Home / Articoli / Ristrutturazione: sostituire o riutilizzare i vecchi telai e cassonetti? Alcuni suggerimenti per il cambio dei vecchi infissi







Una volta selezionata l’offerta infissi che fa per voi, stabilito un budget per orientarvi riguardo porte e infissi prezzi e scelta l’azienda più adatta a cui affidarvi per la sostituzione degli infissi, e’ importante capire come eseguire il lavoro.

Il tipo di lavoro cambia in base alle seguenti variabili:

-finestre con il cassonetto e le tapparelle, o finestre con le persiane

-finestre con le zanzariere

-finestre con o senza il contro telaio.

Prima di tutto bisogna scegliere se mantenere il vecchio telaio e toglierlo. Questa scelta viene fatta in fase di impostazione del lavoro anche in base al budget iniziale stabilito per infissi prezzi.

Se si sceglie di smontare completamente il vecchio telaio probabilmente il lavoro sarà un po’ più complesso però si potrà sfruttare tutta la larghezza a disposizione. Si toglieranno sia le ante delle finestre che i telai maestri e si attaccherà il nuovo serramento direttamente sul muro.

Se invece si sceglie di rivestire completamente il telaio esistente e utilizzarlo come contro-telaio per il fissaggio del nuovo serramento, andrà selezionata, fra le diverse tipologie di battuta, la più adatta a ricoprire il telaio maestro, e il vostro fornitore prevedrà’ già particolari coprifili in legno o i profili in alluminio che nasconderanno le fughe o alcune parti del “vecchio telaio”.

In fase di installazione si opera smontando le ante, le parti della ferramenta e lasciando il telaio maestro pulito e libero da eventuali ingombri. Poi si montano i nuovi serramenti senza la necessità di intervenire sulla muratura, sui pavimenti o su eventuali rivestimenti.

Ho anche il cassonetto delle tapparelle come devo fare?

Il cassonetto è una parte molto importante da curare. Infatti esso è il responsabile di grande dispersione di calore perché al suo interno entra aria fredda direttamente dal foro della tapparella.

Anche in questo caso ci sono diversi modi per agire. Il primo è quello di mantenere il cassonetto originale, togliere il vecchio sportello e applicare un nuovo sportello avvitato che copra completamente l’alloggiamento del vecchio sportello infilato. In questo modo si possono bloccare completamente gli spifferi del vecchio cassonetto

Poi si può valutare se esiste lo spazio di inserire del materiale isolante all’interno del cassonetto per fare una coibentazione completa dello stesso, aumentare le prestazioni del pacchetto termico ed evitare problemi di formazione di condensa e di conseguenza si evita la formazione di muffa

Altrimenti e’ possibile coprire completamente il vecchio cassonetto con uno nuovo che farà da guscio a quello vecchio. Naturalmente esso deve avere una buona struttura che permetta di reggere la copertura del nuovo cassonetto. Dal punto di vista estetico avremo un risultato migliore.

Un’altra soluzione molto adottata, soprattutto dove il cassonetto è ancora in buone condizione, è quella di costruire un nuovo sportello anteriore che andrà a sostituire il vecchio sportello e permetterà di eliminare tutte gli spifferi.

Ristrutturazione con opere di muratura

Nelle ristrutturazioni più radicali dove è previsto l’intervento di muratori e dove si vogliono modificare le misure delle finestre o il sistema di oscuramento della luce (ad esempio passare da tapparelle a persiane, oppure dove verrà aggiunto un cappotto esterno quindi si cambieranno le soglie) si può optare per la completa smuratura del vecchio serramento. Poi verrà costruito un nuovo falso telaio che da un lato servirà per aiutare i muratori per costruire il nuovo vano murario.